lunedì, Ottobre 3, 2022
HomeSenza categoriaBandi start Toscana: iscrizione, come funziona, requisiti

Bandi start Toscana: iscrizione, come funziona, requisiti

I bandi start toscana sono dei bandi che la regione mette a disposizione per alcune figure specifiche. I fondi sono destinati perlopiù ad imprese, piccole, medie e grandi, ma anche a giovani imprenditori in grado di valorizzare il territorio toscano (nel 2021 ci sono stati ad esempio molti bandi start up).

Bandi start Toscana: cosa sono?

La Regione Toscana con il decreto dirigenziale dell’8 novembre 2021 ha approvato il bando startup denominato Creazione impresa giovanile, femminile e dei destinatari di ammortizzatori sociali. Lo scopo è agevolare l’avvio di micro e piccole imprese artigiane, manifatturiere, turistiche, tecnologiche (come appunto le start up) e industriali. Insomma, l’obiettivo è far si che il territorio toscano sia sempre più valorizzato dagli under 50.

Anche nel 2022 tale bando è stato rinnovato con le stesse modalità del 2021. Per accedere  ai fondi e se si è intenzionati ad aprire una impresa, l’importante è possedere caratteristiche specifiche.

Cosa prevede questo bando, non a caso denominato start (inizio)? Ebbene, in linea con il progetto Giovanisì la Regione punta a gestire le risorse per creare nuove imprese, abbattere la disoccupazione ed impedire ai giovani di lasciare l’Italia.

Vediamo ora requisiti per ottenere i fondi. Quest’ultimi sono destinati a:

  • micro e piccole imprese: l’aspetto principale per ricevere fondi è relativo al fatto che la micro o piccola impresa debba valorizzare il territorio operando in diversi settori (start up, turistico, industriale, artigianale ecc).
  • Persone fisiche intenzionate ad avviare una impresa entro sei mesi dalla data di comunicazione della domanda: quindi parliamo di liberi professionisti o imprenditori che abbiano sempre i connotati di cui sopra.

Come funziona e come iscriversi

Le date di apertura e di chiusura del bando sono stabilite con decreto dirigenziale.

Si legge sul sito che “ciascun richiedente può presentare una sola domanda di aiuto, pena l’esclusione di tutte le domande in cui esso figura. Possono presentare domanda anche soggetti già beneficiari di bandi attivati nell’azione 3.5.1 del Por Fesr 2014-2020, purché, alla data della presentazione della domanda, abbiano completato   il   progetto   e   richiesto   al   soggetto   gestore   l’erogazione   a   saldo   del   precedente finanziamento concesso”.

Nell’arco di dodici mesi i diretti interessati, quindi giovani Under 50, possono comunque presentare al massimo 2 domande nell’arco dei dodici mesi, comprese le domande per le quali ci sono state rinunce e revoche. Per conoscere se si hanno le giuste credenziali, o per iscriversi, occorre visionare e aggiornare costantemente la propria graduatoria. La domanda di agevolazione è redatta esclusivamente on line, previo rilascio dei dati di accesso al sistema gestionale disponibile al sito Internet http://www.toscanamuove.it.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments