sabato, Luglio 2, 2022
Google search engine
HomeCulturaCaserta vecchia, storia cosa c'è di interessante da sapere? I misteri che...

Caserta vecchia, storia cosa c’è di interessante da sapere? I misteri che pochi sanno

Storia Caserta Vecchia

Per i turisti, Caserta è la Versailles italiana, la città della Reggia di Van Wittel che fu costruita tra il XVIII e il XIX secolo. In realtà, le origini di Caserta sono molto più antiche. Il suo nome deriva dal nome latino Casa Hirta che si riferisce alla posizione del vecchio borgo costruito su una collina. Durante l’invasione saracena e le devastazioni delle città di pianura, gli ecclesiastici e gli abitanti delle zone circostanti, soprattutto quelli provenienti dalla Calatia, trovarono un rifugio sicuro a Casertavecchia. La popolazione di Calatia aumentò notevolmente durante il XII secolo, con la costruzione dell’attuale cattedrale, che è dedicata a San Michele Arcangelo. Oggi la cattedrale, il campanile e l’antico borgo medievale sono importanti destinazioni turistiche. Ci sono molti eventi folkloristici a Casertavecchia e dintorni: Casola, Pozzovetere e Sommana.
Ci metto 15 minuti per andare da casa mia a Pozzovetere a Casertavecchia. Appena arrivo ad un incrocio, vedo sulla sinistra la Cappella di San Rocco. L’edificio – risalente al XVII secolo – ha un solo portico laterale e un campanile di otto metri. La cappella è molto semplice – spartana. È aperta al pubblico e ai fedeli il 16 agosto, giorno di San Rocco. Sulla destra, c’è un grande prato con pony al pascolo.

Storia di Caserta Vecchia: cosa c’è da sapere

Per raggiungere il borgo medievale scendo una strada ripida fiancheggiata da pini fino alla fortezza. Costruita nell’879, durante la dominazione sveva e normanna divenne un vero e proprio castello. I Normanni ordinarono la ricostruzione della fortezza e la costruzione di un grande mastio circolare. Forse fu ordinato da Riccardo, figlio di Tommaso di Lauro, che fu educato alla corte di Federico di Svevia. Sposò la figlia di Federico nel 1246. La torre fu costruita con blocchi di tufo quadrati che poggiavano su uno zoccolo di calcare. È una delle più grandi d’Europa, e il suo diametro è secondo solo alla torre di Aigues Mortes, in Provenza. È alta circa 30 metri e ha un diametro di 19 metri. Dopo aver superato il mastio, posso sporgermi da una piattaforma di osservazione per ammirare il paesaggio. Da lì, posso ammirare il Palazzo Reale, il Vesuvio, il mare e persino Ischia quando il tempo è buono. Ma il paesaggio mozzafiato che si può ammirare da molte parti del borgo non è l’unica attrazione di Casertavecchia.

Caserta Vecchia storia: tutti i misteri

Lasciando Piazza Vescovado, arrivo alla casa più famosa di Casertavecchia, la Casa delle Bifore. Questa residenza nobiliare dell’XI secolo fu costruita da Ursula Panniz, una turista tedesca che si innamorò del borgo e vi trasferì il suo negozio di artigianato. Ursula inventò i famosi spiritelli. Sono vasi con la parte superiore di legno che sono stati decorati con facce divertenti. Secondo la tradizione, se uno scrive il suo desiderio su un foglio di carta e lo mette nel vaso, lo spiritello o folletto fa avverare il desiderio. Secondo un’altra tradizione, si dovrebbe pensare al proprio desiderio e inserire una moneta in un buco al piano terra di fronte alla finestra a due archi. Se si illumina, si suppone che il desiderio si avveri. Ursula è morta nel 2014, ma ha voluto che gli spiritelli diventassero il simbolo di Casertavecchia e che fossero realizzati da tutti gli artigiani del borgo. La storia della sua fuga dalla Germania del dopoguerra è diventata un libro.

Quando la mia visita al borgo si conclude, mi incammino verso il bosco e, leggendo un manifesto, scopro un nuovo aspetto di questo paese: è una tappa della Via Micaelica del Monte Tifata. Il Club Alpino Italiano (zona di Caserta) ha creato la cosiddetta Tifatinvita: un’escursione annuale di due giorni da Maddaloni a Sant’Angelo in Formis, passando per Casertavecchia. Questo suggestivo itinerario tra storia e natura è intriso del culto di San Michele. San Michele, infatti, è il patrono di Maddaloni e sulla sua collina – chiamata Monte San Michele – c’è un santuario dedicato all’arcangelo. Anche la Cattedrale di Casertavecchia e l’Abbazia di Sant’Angelo in Formis Benedectine sono dedicate a San Michele. Tifatinvita è un itinerario di trekking in treno. L’itinerario parte da Maddaloni (ma potrebbe anche partire dalla parte opposta). I partecipanti visitano Maddaloni, il santuario di San Michele (427 metri) e il Castello di Carafas, da cui si può ammirare la pianura campana e napoletana.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments